I “numeri” di gennaio 2017

Poco, pochissimo tempo a disposizione per allenarsi sulle lunghe distanze ma tanta voglia di iniziare il nuovo anno con il passo ed il piglio giusto, approfittando di ogni finestra temporale disponibile. Si spiegano così la media chilometri di 10,91 per uscita (solo una volta lo scorso anno una media chilometri più bassa) e di contro la velocità media di 12,9 km/h, una tra le più alte da quando mi dedico quasi esclusivamente al fondo, al massimo pareggiata e mai superata nel 2016. Tante brevi uscite (in totale 15), 5 allenamenti da 14 km corsi a 4’27” /km, un 23 km allegro e 8 chilometri tirati (4’10” /km) per verificare la velocità di riferimento. Proprio quest’ultimo allenamento l’ho svolto nel Parco Ducale di Parma (insieme ad altri due allenamenti più rilassati), città in cui ho trascorso complessivamente 6 giorni nella seconda metà del mese “studiando” dagli amici di MySdam come organizzare e gestire gli eventi sportivi di endurance con particolare attenzione ai vari sistemi di cronometraggio: per una volta antepongo lo studio del contesto in cui  gareggio all’attività agonistica, ma ciò non mi impedisce di allenarmi per un totale di 12 ore e 39 minuti durante le quali copro la distanza di km 163,71.
Archivio l’idea di esordire in gara a febbraio, questo mese sarà importante tornare a macinare chilometri in vista degli impegni di marzo e aprile: scarpette nuove e via verso la prima Maratona del 2017… Ferrara?

Be the first to comment

Leave a Reply