I “numeri” del 2016

Ancora un anno sugli scudi: altre 4 Maratone, il ritorno alle Mezze dopo due anni di pausa, la consueta sfida sulla distanza dei 30 chilometri, oltre ad un revival su una km 14 della quale avevo corso la prima edizione alcuni anni orsono. Grande soddisfazione per le prestazioni e i risultati   che si sono trasformati in malcelata gioia in occasione dei nuovi  primati personali sulle relative distanze: “Maratona delle Terre Verdiane” e km 30 “MareLago delle Terre Pontine”. Gioia peraltro giustificata da un paio di considerazioni a latere: mai avrei pensato di poter migliorare il tempo della Maratona di Padova del 2015, né avrei immaginato di abbattere quello sulla km 30 vecchio ormai di tre anni (il precedente risaliva al 2013), risultati peraltro sinceramente inaspettati nonostante interpreti la mia passione con tanto entusiasmo ed impegno. Proprio nelle lunghe e solitarie sedute di allenamento, 1.930 chilometri per tonificare muscoli e mente, ho avuto inoltre modo di conoscere alcuni aspetti di me che ignoravo… uno su tutti, la capacità di resistere stoicamente ai profumi inebrianti provenienti dalle case lungo il percorso! Al contrario nessuno sforzo particolare nell’accettare il pettorale della Chicago Marathon, acquisito grazie ai tempi conseguiti in gara… esperienza e Maratona fantastiche!

Ed ora la consueta sintesi dei risultati del 2016:

   •  2.207,48 chilometri percorsi (30 in meno dello scorso anno, 65 in più della media annuale);
   •  171 ore, 56 minuti e 58 secondi di corsa;
   •  186 uscite. Nel dettaglio:
         o  9 gare (per un totale di 277,47 chilometri) suddivise in
               s  4 Maratone
               s  2 Mezze Maratone
               s  1 km 30
               s  1 km 22,5
               s  1 km 14
         o  177 allenamenti (per un totale di 1.930 chilometri)

   • PB in Maratona: 3h11’16”, Salsomaggiore Terme, 28 febbraio;
   • PB su km 30: 2h16’40”, Latina, 23 ottobre;
   • PB su km 14: 58’37”, Aprilia, 30 ottobre;
   • stabilita nuovamente (dopo il 2015) la migliore velocità media annuale: 4’40” /km.

Infine poche parole sulle compagne fedeli di ogni mio viaggio: ennesimo anno con le Mizuno, terzo paio delle Wave Rider 18 a partire dal 29 gennaio, alternate alle altre due paia (ormai abbondantemente oltre la soglia necessaria per una buona ammortizzazione) e, dal 24 giugno, alle Wave Rider 19 (anch’esse ormai sgonfie).

Obiettivi, propositi, desiderata per il 2017? Tanto divertimento, in corsa e di corsa, declinato nei modi e nei tempi da stabilire dopo il piano di partecipazione alle gare (che devo ancora da definire).

Felice 2017 e buone corse a tutti che

Be the first to comment

Leave a Reply