I “numeri” di febbraio 2015

Pochi ma buoni. Sono i chilometri corsi in un febbraio per me memorabile, dedicato esclusivamente alla Maratona di San Valentino disputata a Terni esattamente a metà mese ed onorata con il nuovo primato personale. Come di consuetudine i quindici giorni che precedono l’evento sono deputati alla fase di scarico con qualche richiamo infrasettimanale alla velocità (dopo i tre lunghissimi ed i diversi lavori di potenziamento svolti nel mese precedente), mentre quelli che seguono li dedico ad eliminare le tossine di un impegno che, nella fattispecie, è stato vissuto con la tensione positiva e la ferma intenzione di fare “la prestazione”. Le 12 uscite sono state pertanto totalmente condizionate dalla Maratona della stelletta – come mi piace ribattezzarla con poco senso del pudore – ed i numeri sono i migliori testimoni: appena 142.70 chilometri per un totale di 11 ore ed 8 minuti, con una media chilometri di 11.89 ed una velocità media di 12.8 km/h. Per trovare un numero di chilometri così ridotto devo tornare indietro nel tempo fino a maggio 2014, quando mi dedicai ad una serie di uscite rigeneranti dopo un trittico di Maratone disputate in meno di 60 giorni. Adesso reset e ripartenza verso il nuovo obiettivo fissato per metà aprile a Padova (Maratona di Sant’Antonio): marzo porta in dote la primavera e tanti chilometri da percorrere testa bassa e lancia in resta.

2 Commenti

Leave a Reply