I “numeri” del 2013

Dopo aver dato i numeri a margine di ogni mese nel corso del 2013, come posso esimermi dallo sciorinare quelli complessivi e finali? Tanto più che dal punto di vista sportivo l’anno solare appena concluso è stato caratterizzato da una stagione agonistica ricchissima di impegni e soddisfazioni, ottimi tempi e diversi personal best oltre, naturalmente, a tantissimo divertimento. Sotto l’aspetto squisitamente tecnico il 2013 mi ha consacrato definitivamente come atleta fondista: dopo l’esordio in Maratona a Firenze alla fine del 2012, sono state 3 le gare disputate sulla distanza regina (con la consapevolezza che ne avrei potuto fare qualcuna in più, obiettivo per il 2014) ed in ognuna di queste ho sempre migliorato il mio tempo. Ma ben oltre i primati, ho trovato la mia dimensione di podista proprio sulle lunghe distanze (dalla Mezza in su), dove la fanno da padrone la resistenza fisica, l’aspetto mentale, la tattica e la gestione dello sforzo prolungato. Ciò nonostante buonissime soddisfazioni me le sono tolte anche sulle brevi, con diverse 10.000 chiuse sotto ai 4’10” /km tra cui la “Corsa di Miguel” a 3’56” /km ed una 5 chilometri terminata in 19’18” (3’52” /km).

Ecco riassunti in estrema sintesi i dati salienti del 2013:

   •  percorsi 2.141,61 chilometri (331,5 in più rispetto al 2012);
   •  170 ore, 44 minuti e 33 secondi di corsa (26 ore in più rispetto al 2012);
   •  176 corse (22 in più rispetto al 2012) di cui:
         o  19 gare (per un totale di 379 chilometri) suddivise in
               s  3 Maratone

               s  1 km 34, 1 km 30, 1 km 22,6
               s  3 Mezze Maratone
               s  1 km 15, 1 km 12, 1 km 10,5
               s  6 km 10 
               s  1 km 5 
         o  157 allenamenti (per un totale di 1.762,61 chilometri)
   •  3 PB in Maratona. Ultimo PB: 3h19’52”, Reggio Emilia, 8 dicembre;
   •  1 PB sulla km 30: 2h20’57”, Ostia, 13 ottobre;
   •  2 PB nella Mezza Maratona. Ultimo PB: 1h28’01”, Rieti, 25 aprile;
   •  1 PB sui km 10: 39’33”, Roma, 20 gennaio.

Ma tutti questi dati impallidiscono e perdono il loro valore al cospetto della vittoria più grande, quella che ti migliora come individuo prima ancora che come atleta: l’amicizia dei tanti appassionati di questo sport, sempre pronti e disponibili a condividere chilometri, gioia, sudore, un piano allenamenti, la trasferta per una Maratona indimenticabile… 
Grazie a tutti voi e un 2014 ricco di grandi corse!

2 Commenti

Leave a Reply