I “numeri” di settembre 2013

Come abbiamo avuto modo di imparare sin dalla più tenera età, settembre è grosso modo per tutti l’alba di una nuova stagione, scolastica per giovani e giovanissimi (beati loro!), lavorativa per i diversamente giovani (fortunati pure loro, visti i tempi che corrono…), agonistica per chi si cimenta nelle più svariate attività sportive. Il mio settembre non ha fatto eccezione anzi, da un punto di vista squisitamente sportivo, si è presentato con l’abito delle grandi occasioni: niente meno che la Maratona di Berlino, una delle sei World Marathon Majors, i sei eventi più importanti in assoluto nella carriera di un maratoneta. Delle emozioni, delle sensazioni, della gara in tutte le sue sfaccettature e della gioia per il nuovo primato personale stabilito in una Maratona così importante, parlerò diffusamente nel consueto articolo post gara; in questo contesto segnalo che lo straordinario evento è andato in scena il 29 settembre, per cui tutte le uscite del mese sono state finalizzate al perfezionamento del piano allenamenti ed in particolare alle attività di simulazione di gara e di defaticamento.
Dopo il catino infuocato dei due mesi precedenti, finalmente l’aria diventa meno irrespirabile, il tasso di umidità scende leggermente ed il sole, naturalmente meno cocente, può essere parzialmente evitato iniziando l’allenamento intorno alle 6:00, 6:15 (non prima perché é buio pesto!). Inanello 12 uscite alternando un paio di lunghissimi a corse veloci, altre a ritmo Maratona a sedute defaticanti svolte dopo qualche lavoro di potenziamento aerobico (con ripetute in salita). Il resoconto finale tratteggia inequivocabilmente la parte finale di un piano allenamenti orientato esclusivamente alla distanza regina: 175,23 chilometri, una media di km 14,60 ad uscita per un totale di 14 ore, 16 minuti e 57 secondi di corsa, la strada che porta a Berlino è finita il 26 settembre! Poi i 42.195 metri in terra teutonica, ma questa è una storia a parte, unica, forse irripetibile, che merita uno spazio tutto suo…

Be the first to comment

Leave a Reply