Mezza Maratona Rieti 2013

Rieti, 25 aprile 2013.

Questa volta non basta correre e divertirsi, non si tratta di provare a stabilire un nuovo primato personale, non importa se il percorso è pianeggiante o collinare, se si corre su strada o su sterrato, se c’è il sole, la pioggia o il vento… si corre per ricordare la memoria di un amico, un podista come noi che un paio di anni fa ha dovuto bruscamente interrompere la sua corsa di vita a poche decine di metri dal traguardo di questa bella Mezza Maratona di Rieti. Il velo di tristezza che avvolge la manifestazione è tangibile o almeno lo è per chi conosceva Paolo o ha saputo indirettamente, ma tutti siamo consapevoli che il modo migliore per onorare il suo ricordo è quello di metterci ancora più determinazione, voglia e concentrazione. Espletate le formalità per il ritiro del pettorale e scambiata qualche impressione con alcuni compagni di squadra, effettuo il riscaldamento sulla pista deputata allo scopo, posizionata alle spalle dello splendido impianto sportivo “Raul Guidobaldi” che si è appena rifatto il look per ospitare l’ennesimo evento internazionale e che sarà teatro anche dell’arrivo di questa Mezza Maratona. E’ la mia quarta gara in diciotto giorni, cosa mai successa in precedenza, inoltre torno a fare una Mezza Maratona dopo tre gare brevi e senza preparazione specifica per la distanza.
Inutile aggiungere che il timore di espormi a una brutta figura sia latente, così decido di gareggiare senza un vero e proprio obiettivo se non quello di collaudarmi nel corso dei primi chilometri per poi decidere come procedere. E tutto va per il meglio: dopo 5 chilometri corsi all’interno della ridente cittadina laziale, lunghi tratti di pavimentazione in sampietrini e discreti saliscendi, si esce sulla piana di Rieti dove si corre sulla statale in mezzo alla campagna per poi arrivare all’ingresso dello Stadio e celebrare l’arrivo dei podisti alla maniera dei “grandi”, di quelli che si vedono in televisione. Tempo finale 1:28’01” (4’10” min/km), 46° assoluto e nuovo personal best sulla Mezza. 
Un sincero abbraccio al nostro  grande amico Paolo.

Be the first to comment

Leave a Reply